Pupi Avati

Pupi Avati, nato a Bologna, è uno degli ultimi grandi maestri del cinema italiano. Il suo sogno era diventare un grande clarinettista jazz: lo realizza girando l'Europa con la "Doctor Dixie Jazz Band" ma vi rinuncia dopo l’ingresso di Lucio Dalla nella formazione, la sana competizione artistica gli ha fatto comprendere la differenza tra passione e talento inducendolo a cercare altrove la propria strada. E’ il cinema il suo futuro: collabora alla sceneggiatura di "Salò o le 120 giornate di Sodoma" (1975) di Pier Paolo Pasolini. “La mazurka del barone, della santa e del fico fiorone” (1975) con Ugo Tognazzi è l’inizio dell’ascesa e successivamente “La casa dalle finestre che ridono” (1976) diventa film cult per gli appassionati di cinema noir. Grazie al successo di quest’ultimo film Avati lavora come sceneggiatore di “Jazz Band” (1978) e “Cinema” (1979), due produzioni televisive di carattere autobiografico. Tra i suoi film più rappresentativi "Regalo di Natale" (1986), "Storia di ragazzi e di ragazze" (1990), "Il testimone dello sposo" (1998), "Il papà di Giovanna" (2008) e "Il bambino cattivo" (2013). Ultima sua grande fatica "Un ragazzo d'oro" (2014), che gli vale il premio come miglior sceneggiatura al Festival del Cinema di Montreal. Ha all’attivo 47 film diretti e 51 sceneggiature scritte. E’ “Medaglia d’oro per i Benemeriti della Cultura e dell’Arte” ed è stato insignito “Commendatore Ordine al merito della Repubblica Italiana”.